L'importanza della corretta masticazione

La masticazione sembra un’attività semplice ed automatica ma, in realtà, sono davvero pochi coloro che masticano bene. È opportuno compiere quest’attività correttamente per la salute non solo orale.
La sequenza ripetitiva di apertura e chiusura della mandibola nel piano verticale è detta 
ciclo masticatorio e si articola in tre fasi:
1) Fase di apertura
: la bocca è aperta e la mandibola abbassata

2) Fase di chiusura: la mandibola viene alzata verso la mascella

3) Fase di occlusione o intercuspidale: la mandibola è ferma e i denti dell’arcata superiore e inferiore si approssimano.

È risaputo che la prima fase digestiva avviene nella nostra bocca: mangiare in fretta senza masticare a lungo il cibo può essere spesso causa di problemi digestivi. Al contrario, masticare lentamente il cibo, faciliterà il processo digestivo specie se si è ingerita carne, la cui completa digestione nello stomaco può richiedere fino a 24 ore.

Il cibo che passa attraverso i denti viene triturato e mescolato alla saliva, nella quale sono presenti alcuni enzimi, tra cui la ptialina che consente di incominciare a rendere liquidi gli amidi e il malto presente nell’alimento.

Anche l’acqua gioca un ruolo fondamentale nella produzione della saliva, che a sua volta è responsabile della produzione di quegli enzimi che contrastano la formazione di batteri e consentono la scomposizione di amidi e grassi. È consigliabile, infatti, bere sempre molta acqua durante il giorno e sino a mezz’ora prima del pasto o due ore dopo. Durante i pasti conviene bere solo un minimo per aiutare la deglutizione, evitando così di diluire i succhi digestivi che necessitano nello stomaco di un pH acido molto forte. L’acqua in eccesso indebolirebbe l’azione del succo gastrico che deve invece mantenere un elevato grado di acidità. Fin da bambini ci insegnano che quando si mangia non si parla. Infatti parlare contemporaneamente alla masticazione fa ingoiare molta aria; quest’aria genererà un senso di ingombro, eruttazione, gonfiore, tachicardia e spossatezza dopo il pasto. È fondamentale anche mangiare con calma: in questo modo ci sarà una migliore assimilazione dei nutrimenti, una digestione più agevole e la lentezza della masticazione aiuterà anche a mangiare di meno. Concentrarsi sull’atto del mangiare, senza distrazioni quali TV, telefono o tablet, aiuterà ad assaporare meglio i cibi e favorirà sicuramente una corretta digestione.

Denti sani buona occlusione della mandibola sono indispensabili per dar vita ad un corretto ciclo masticatorio, la prima fase della digestione degli alimenti.

Non introdurre un secondo boccone se quello prima non è stato completamente masticato e inghiottito. Masticando bene si fanno automaticamente dei pasti piccoli, il senso di sazietà compare più rapidamente, dura più a lungo e si digerisce meglio.

Riassumendo, è importante masticare correttamente anche per altre ragioni:
- favorisce la digestione
- attiva il sistema immunitario proteggendoci dagli agenti infettivi
-
se il cibo arriva allo stomaco già sufficientemente scomposto, diminuiscono i tempi di permanenza nello stomaco e quindi si riduce la produzione di acidità gastrica 

- evita le fermentazioni intestinali prevenendo le intolleranze ai lieviti, in quanto dopo 15 minuti la masticazione segnala al cervello l’entrata di cibo smorzando l’appetito (chi mangia senza seguire queste indicazioni, ingerirà più del dovuto e tenderà ad ingrassare)

- masticare correttamente e a lungo, specialmente cibi crudi, massaggia le gengive e ci aiuta ad ottenere una migliore pulizia del cavo orale, favorendo la rimozione dei residui dai denti;
- la velocità con cui si mastica incide anche sulla 
percezione del sapore, facendolo lentamente, si possono apprezzare anche preparazioni meno ricche di sale e insaporitori che sono quasi sempre poco salutari

- la saliva ha un ruolo fondamentale sia per l’igiene orale che per la digestione, in quanto contiene enzimi che contrastano la formazione di batteri e consentono la scomposizione di amidi e grassi. Sembra paradossale, ma anche i cibi liquidi andrebbero tenuti in bocca per qualche secondo, in modo da permettere questa azione benefica. Il cibo mescolato alla saliva poi scivola meglio lungo l’esofago, evitando disturbi legati a disfagie

- è importante anche per l’assimilazione dei nutrienti.

Masticare correttamente è una di quelle buone abitudini che possono fare davvero la differenza per il nostro organismo.